Appostiamoci | APPstories
8
archive,category,category-appstories,category-8,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

APPstories

Tutto in una sola notte si era detto. “O la va o la spacca” aveva pensato Andrea. Non poteva aspettare altro tempo, non voleva aspettare altro tempo. Era da troppi mesi che cercava di conquistarla ma lei era ondivaga (anche se gli amici l’avrebbero definita...

Erano in fila al bancone. La cena tardava ma la voglia non diminuiva. Stefano voleva andare via da lì perché il profumo che indossava Alessandra quella sera lo aveva assuefatto. Si guardarono negli occhi e i loro sguardi valsero più di mille parole… Annullarono la...

Volevano fuggire dal caldo cittadino. Avevano ricordato insieme le sere di quando si erano appena conosciuti e scappavano dalla città per viversi lontani da occhi indiscreti. Ma ora? Ora sembrava ridicolo ripetere quelle follie di 14 anni prima, quando la vita era in equilibrio precario...

Spirava una leggera brezza quella mattina. Lei si godeva la vista di quel mare che lentamente si risvegliava. I lidi riprendevano lentamente le loro attività e il lungomare si iniziava ad affollare di persone che facevano jogging, godendo della salsedine e del silenzio di quelle...

Passeggiavano silenziosamente. Il loro deserto era in quella piccola spiaggia, vicino al frastuono cittadino ma che sapeva di quiete. Smarriti lo erano stati quando incontrandosi non era riusciti a trovare il modo per ritagliarsi un angolo di solitudine. Lei aveva deciso di assecondare i suoi genitori:...

Lentamente i loro corpi si muovevano, ritmando una danza tribale che univa le loro anime. Si era riscoperti complici, fingendosi di non avere nulla che li accomunasse. Distanti chilometri erano vicinissimi con i loro sogni che ora sapevano di salsedine e sole. Vividi, risplendevano alla fioca...

Erano trascorsi 3 mesi e 12 giorni dall'ultimo incontro. Un silenzio divenuto assenza. Era lì con il suo smartphone a chiedersi perché era fuggito quella notte e non l'aveva più richiamata. E da quella notte lei non aveva più rivisto splendere il sole. Nemmeno Stefy,...